Intervista con il Partner di SDD Bob Kurik, Università Carolina di Praga

Intervista di SDD con Bob Kurik

Willeke van Staalduinen, AFEdemy, Academy on Age-Friendly Environments in Europe B. V.

Affrontare quotidianamente il razzismo o il linguaggio che incita all’odio è un evento unico che porta a mille aghi che feriscono ogni giorno i cittadini europei. Questo sta influenzando la vita di molti cittadini europei che hanno un aspetto o sono diversi da quelli tradizionali. La tragedia del non intervento è un altro sorprendente punto di apprendimento degli esperti coinvolti nel progetto Smart for Democracy and Diversity. Bob Kurik, antropologo dell’Università Carolina di Praga si schiera per una cultura del coraggio civico.

Per tutta la sua vita, Bob è stato interessato all’impegno civico e all’attivismo. L’antirazzismo è uno dei suoi principali obiettivi per cui lottare. Ciò è dovuto principalmente al fatto che alcuni dei suoi amici, di origine rom, si confrontano quotidianamente con razzismo e incitamento all’odio.

La sua spinta a combattere il razzismo è anche uno dei motivi per cui ha aderito al progetto Smart for Democracy and Diversity. Gli ha anche dato l’opportunità di lavorare con il coordinatore del progetto, Jesper Schulze, che conosce dai tempi in cui viveva in Germania. L’approccio pragmatico ha anche attirato Bob a intervenire e l’opportunità di saperne di più sui giochi educativi online. L’ascesa del razzismo nell’ultimo decennio è un altro motivo per aderire. Bob nota che le persone colpite dal razzismo devono affrontarlo quasi ogni giorno.

Nel progetto SDD, a Bob finora è piaciuta di più la disponibilità delle persone a partecipare al progetto. Non solo come intervistati, ma anche per agire come esperti in workshop per fornire feedback sulle scene elaborate e sulla struttura del gioco. È felice di vedere che così tante persone sono impegnate e impara molto da loro. In secondo luogo, gli piace coltivare la prospettiva europea sulla discriminazione e il razzismo. Lodando l’esistenza di differenze locali, ma ci sono molti motivi europei comuni da trovare sull’argomento.

Bob ha appreso nel progetto SDD che molti intervistati si confrontano con il razzismo quotidiano. Questo sta influenzando le loro vite in molti modi. Un evento può portare a mille aghi che fanno male ogni giorno. Come seconda questione importante, Bob ha appreso della tragedia del non intervento: gli astanti rimangono in silenzio, ignorano il razzismo o pensano che non siano affari loro. Dobbiamo sviluppare una cultura del coraggio civico.

I prossimi passi di Bob nel progetto sono collaborare allo sviluppo del gioco e includere i feedback dei seminari organizzati nei diversi Paesi. Bob e i suoi colleghi stanno promuovendo il compendio SDD in un podcast nella Repubblica Ceca. Infine, Bob sta organizzando l’incontro dei Partner a Praga alla fine di maggio e spera di mostrare loro anche le molte cose belle di Praga.